Dermatite da stress: emozioni, influenze pelle, cause, come si presentano

dermatite da stress

Dermatiti da stress

Si stima che i fattori psicosomatici siano presenti in almeno un terzo dei pazienti dermatologici.  Vediamo quali sono le cause e i disturbi cutanei associati.

Meccanismi e cause:

La pelle è un organo strettamente legato alle attività emotive: prurito, rossore, pallore, sudorazione possono essere indotti da tutta una serie di stimoli a partenza dal sistema nervoso, in conseguenza di stati emozionali ed affettivi. La relazione tra disagio psicologico e alterazioni cutanee è ben conosciuto. La pelle ha una reazione immediata allo stress mentale.

Cosa succede durante lo stress

È stato riscontrato che lo stress mentale, fisico ed emotivo colpisce sicuramente la pelle e questo può dipendere da diversi motivi. In condizioni di stress vengono prodotti ormoni che favoriscono l’infiammazione e la diminuzione del flusso sanguigno alla pelle. Sono  irritate le terminazioni nervosei cutanee e aumentando l’infiammazione o le reazioni allergiche, con alterazioni sistemiche dei parametri immunologici. A sua volta la pelle recluta il sistema immunitario per reagire a questi stimoli disregolando la risposta immunitaria innata e causando infiammazioni come:

Dermatite seborroica da stress

Di conseguenza si innesca un circolo vizioso: i fattori idratanti naturali e la produzione di lipidi diminuiscono e i processi di guarigione e riparazione della pelle vengono ritardati. Inoltre il disagio provocato dalla presenza della malattia della pelle (acne, rosacea, dermatite seborrica ecc) induce un altro circolo vizioso alimentando quegli stimoli nervosi che peggiorano i sintomi dermatologici.

Rapporto tra malattie della pelle e disturbi psicologici

Diversi studi hanno accertato che i pazienti con malattie dermatologiche mostrano alti tassi di comorbidità con Disturbo Depressivo Maggiore, Disturbo Ossessivo Compulsivo, Disturbo di Dismorfismo Corporeo e Disturbo Post-Traumatico da Stress , e che assumono abitualmente ansiolitici e antidepressivi.

Prurito e psiche

Il prurito è comune a molti disturbi della pelle. La relazione tra malattia della pelle e variabili psicologiche è stata ampiamente dimostrata scientificamente. È stata anche descritta l’associazione tra l’esacerbazione delle lesioni cutanee e l’aumento dei livelli di condizioni psicopatologiche in risposta a eventi stressanti.

Lichen simplex cronico o neurodermite

Lichen simplex cronico Questa dermatite è classificata come un disturbo della pelle determinato o influenzato da fattori emotivi. Esistono molti studi che confermano il coinvolgimento della psiche in questo disturbo psicocutaneo.

Prurigo nodulare

Le tensioni emotive in soggetti predisposti possono giocare un ruolo chiave nell’indurre una sensazione pruriginosa, portando ad una lesione da grattamento che, diventando un meccanismo patogenetico auto-perpetuante, può rappresentare la caratteristica principale di due distinte entità cliniche cutanee: prurigo nodularis e lichen simplex cronico. I fattori psicogeni svolgono un ruolo rilevante in entrambe le condizioni e sono spesso associati a depressione.

Articolo precedenteFuoco di Sant’antonio – Herpes zoster – immagini, causa, sintomi, nuove cure, vaccino
Articolo successivoAllergia ciprofloxacina, levofloxacina e moxifloxacina, antibiotici chinoloni