Formaldeide: dermatite allergica da contatto

Dermatite atopica

Formaldeide: dermatite allergica da contatto

Che cos’è

formaldeide-allergia
Formaldeide struttura chimica

La formaldeide (formula chimica CH2O) è un gas incolore dall’odore pungente, ampiamente utilizzato come conservante negli articoli da toeletta e cosmetici e nei prodotti per uso domestico e industriale. Sia la formaldeide stessa che le sostanze che possono rilasciarla sono una causa comune di dermatite allergica da contatto. Questa condizione spesso diventa cronica, dato che questi allergeni si trovano quasi ovunque ed è difficile per i pazienti evitarli completamente.

Dove si trova

Sebbene alcuni prodotti in realtà non contengano formaldeide
libera, contengono sostanze che possono rilasciare formaldeide quando si
scompongono o addirittura sostanze che sono state sintetizzate con
formaldeide.

È ampiamente usata come conservante, per le sue proprietà antifungine e
antibatteriche e può essere trovata nei cosmetici e nei prodotti domestici e
industriali.

La formaldeide viene utilizzata

  • come disinfettante in chirurgia ed odontoiatria a vari livelli; è utilizzata come conservante nei farmaci ad uso parenterale (vaccini e vitamine), persino come principio attivo quale disinfettante e delle vie urinarie (Esametilentetramina)

  • Viene utilizzata come fissatore e conservante nella realizzazione di preparati istologici.

  • Si trova nell’alcool denaturato è inoltre presente in prodotti topici con azione funghicida battericida e cheratolitica.

  • È presente in molti inchiostri idroresistenti, in vernici e collanti.

  • È presente in preparati cosmetici quali shampoo, dentifrici, latti e oli da bagno, Deodoranti, Mascara, Maschere per la pulizia della pelle, Dentifrici, Prodotti per le unghie e conservante alimentare

  • È utilizzata nell’industria tessile come apprettante, impermeabilizzante, antipiega.

  • È utilizzata nell’industria delle conciature (cere e lucidanti per pellame)

Si consiglia di leggere sempre le etichette dei prodotti fortemente detergenti, Disinfettanti, Inchiostri, Colle, Fissativi per Istologia, Smacchiatori per tessuti, Materiale fotografico).

Sostanze che rilasciano formaldeide durante
Degradazione

La maggior parte dei rilasciatori di formaldeide di interesse per gli allergici
cutanei sono sostanze che rilasciano formaldeide quando si degradano.
Esempi di queste sostanze sono

  • quaternium 15

  • imidazolidinil urea

  • diazolidinil urea,

  • 3′- Demetossi-3o-Demetilmatairesinolo (DMDM)

  • idantoina

  • bronopol. Questi conservanti sono utilizzati principalmente nei cosmetici.

Formaldeide e alimenti

Anche una vasta gamma di alimenti, tra cui caffè, caviale, prosciutto
affumicato e merluzzo, sono una fonte naturale di formaldeide.

Chi è più colpito dalla allergia alla formaldeide

Molti pazienti allergici alla formaldeide sono donne che sviluppano
eczema sulle mani o sulle mani e sul viso.La spiegazione è che le
mani sono esposte a prodotti per la pulizia che danneggiano la barriera
protettiva della pelle, facilitando l’assorbimento della formaldeide dai
cosmetici, articoli da toeletta e altri prodotti per la pulizia.
Nella maggior parte dei casi, l’eczema del viso è dovuto all’uso di cosmetici
contenenti i liberatori di formaldeide.
La dermatite allergica da contatto professionale dovuta alla formaldeide
è comune e colpisce soprattutto le mani; è particolarmente comune nei
lavoratori che utilizzano oli da taglio e nei parrucchieri e negli operatori
sanitari a contatto con creme e saponi contenenti rilascianti di formaldeide.

Come fare diagnosi di allergia alla formaldeide

Patch test applicati dorso - Test epicutanei
Patch test applicati

Come per tutte le forme di dermatite allergica da contatto, la diagnosi di allergia alla formaldeide è basata sul patch test o test epicutaneo a lettura ritardata.

La formaldeide è ancora utilizzata come conservante?

Nonostante la sua capacità di eliminare un’ampia gamma di batteri e funghi,
tuttavia, l’uso della formaldeide nei cosmetici e negli articoli da toeletta è
diminuito considerevolmente a causa dei timori sulla sua tossicità. La
formaldeide libera è stata sostituita da sostanze che rilasciano formaldeide
lentamente nel tempo in condizioni normali d’uso; note come rilascianti di
formaldeide, queste sostanze sono generalmente utilizzate insieme ad altri
conservanti, come il metilparaben e il propilparaben per migliorare l’attività
antifungina.

Formaldeide e rischio di tumori

L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) fa parte dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Uno dei suoi obiettivi principali è identificare le cause del cancro. La IARC ha concluso che la formaldeide è “cancerogena per l’uomo” sulla base di prove sufficienti che può causare cancro nasofaringeo e leucemia.