Intolleranza al lattosio sintomi – differenza allergia

Sintomi intolleranza al lattosio

Intolleranza al lattosio: sintomi

I sintomi della intolleranza al lattosio sono gastrointestinali: dolore addominale, crampi addominali diffusi, gonfiore e tensione intestinale, aumento della peristalsi con borborigmi, meteorismo, flatulenza e diarrea con feci poltacee, acquose, acide, che insorgono da uno a poche ore dopo l’ingestione di latte o derivati o comunque di alimenti contenenti il lattosio. Tuttavia talvolta i sintomi della intolleranza al lattosio non sono così specifici: altri disordini come il colon irritabile, la allergia alle proteine del latte, reazioni allergiche ad altri cibi, o intolleranze ad altri zuccheri possono causare sintomi simili.

Cos’è il lattosio

Il lattosio è lo zucchero principale del latte. La produzione di latte da parte della ghiandola mammaria è una caratteristica distintiva dei mammiferi e il lattosio (“zucchero del latte”; β-galattosil-1,4 glucosio) è la principale fonte di carboidrati nel latte umano e in quello di altri mammiferi.

Dove si trova il lattosio

Lo yogurt contiene ≈50% del lattosio del latte crudo; mentre i formaggi hanno un basso contenuto di lattosio, soprattutto se si consumano prodotti a lunga stagionatura  (come il grana e il parmigiano, che non ne contengono).  Inoltre, il lattosio in polvere è anche un additivo comune nei tipici alimenti trasformati, poiché migliora la consistenza e il sapore di salsicce, sughi, margarine, pane, salse e molti piatti pronti

Qual è la causa dell’intolleranza

Il malassorbimento del lattosio si riferisce a qualsiasi causa di mancata digestione e/o assorbimento del lattosio nell’intestino tenue. Ciò include l’intolleranza al lattosio genetica primaria e anche quella secondaria dovuta a infezioni o altre condizioni che influenzano l’integrità della mucosa dell’intestino tenue.

Quale quantità di lattosio è necessaria per provocare i sintomi della intolleranza?

Si stima che occorrano più di 240 ml di latte al giorno (12 grammi di lattosio) per causare sintomi in soggetti con carenza di lattasi.

Perchè a voltei sintomi dell’intolleranza  si manifestano e a volte no?

L’insorgenza della sintomatologia è anche dipendente dalla qualità del pasto e dal cibo associato, in quanto è legata alla velocità di svuotamento gastrico: se il lattosio si sposta rapidamente dallo stomaco ad un intestino con bassa attività lattasica, i sintomi saranno più veloci ed evidenti. Quindi se il lattosio viene ingerito insieme a altri zuccheri (specie quelli semplici), che aumentano la velocità di svuotamento gastrico, i sintomi sono più probabili o più intensi, mentre se viene ingerito insieme a grassi, che riducono la velocità di svuotamento gastrico, i sintomi possono essere molto ridotti o addirittura assenti.

Intolleranza al lattosio e colon irritabile

  • La maggior parte degli individui affetti da malassorbimento di lattosio tollerano senza problemi una dose di almeno 12 g di lattosio (corrispondenti a 250 ml di latte). Dosi maggiori possono essere tollerate se consumate con il cibo o distribuite nell’arco di un’intera giornata.
  • I sintomi dell’intolleranza al lattosio dipendono dalla forza dello stimolo (cioè dalla quantità di lattosio ingerita) e dalla presenza di ipersensibilità viscerale, come osservato in molti pazienti con colon irritabile.
  • Le opzioni terapeutiche per l’intolleranza al lattosio comprendono una dieta a basso contenuto di lattosio, la sostituzione orale dell’enzima lattasi, prebiotici che producono lattasi batterica nel colon e, potenzialmente, prebiotici che adattano la flora batterica del colon.
  • L’intolleranza a dosi di lattosio basse-moderate spesso indica la presenza di colon irritabile. Tali individui sono sensibili a una serie di alimenti fermentabili (“FODMAP”) scarsamente assorbiti. Un trattamento dietetico efficace in questo gruppo non richiede una dieta a basso contenuto di lattosio ma a basso contenuto di FODMAP.
  • I FODMAP comprendolo: oligosaccaride, disaccaride e monosaccaride fermentabili e polioli.

Cosa succede nella vera allergia al latte?

Nell’allergia bastano piccole quantità di latte per provocare reazioni anche gravi! Nell’intolleranza al lattosio bisogna superare un certo dosaggio. Quindi l’intolleranza alimentare non è una allergia più leggera, ma un disturbo di malassorbimento molto diverso. Nessuna attinenza con l’allergia alimentare.