Parafenilendiammina allergia contatto tintura

parafenilediammina dermatite allergia contatto

parafenilediammina dermatite allergia contattoLa parafenilendiammina base rappresenta un aptene che presenta una alta incidenza di allergia, nella fattispecie di dermatite allergica da contatto . La parafenilediammina è un colorante ad ossidazione di colore blu scuro.

Dov’è contenuta

La parafenilendiammina è il componente più comune e conosciuto delle tinture per capelli. Le tinture ossidative per capelli e i tatuaggi temporanei all’henné scuro contengono parafenilendiammina. Gli individui possono essere sensibilizzati a questo colorante facendo tatuaggi temporanei all’henné oltre a tingersi i capelli. L’allergia può causare reazioni gravi e complicazioni. Negli ultimi anni, la frequenza delle reazioni positive ai patch test alla parafenilediammina è aumentata. Può verificarsi sensibilizzazione crociata ad altri allergeni da contatto, in particolare ad altri componenti delle tinture per capelli. I parrucchieri sono ad alto rischio di allergia e devono ridurre al minimo l’esposizione e adottare misure protettive durante la manipolazione della tintura per capelli.

CAUSE FREQUENTI DI DERMATITE ALLERGICA DA CONTATTO

L’uso più conosciuto e quello più responsabile di allergia a parafenilendiammina è dato dalla presenza nelle tinture per capelli e come tale fonte di allergia per parrucchieri e clienti.
È utilizzata anche come colorante scuro per tessuti e pellicce. La parafenilendiammina viene utilizzata come antiossidante nell’industria della gomma e di pneumatici ed è presente in molti oggetti quali stivali, guanti, tubature, cinghie di trasmissione, materassi di gommapiuma, guanciali ecc.
Esposti al rischio di dermatite allergica da contatto alla parafenilendiammina sono operai della lavorazione della gomma, meccanici, gommisti, benzinai e tutti coloro che per motivi professionali portano guanti, maschere, o stivali.
Dermatite allergica di tipo non professionale è relativa al contatto di materiali gommosi con parafenilendiammina durante la pratica di attività sportive (Ciclismo ecc.)
Come antiossidante si trova anche nei mangimi animali e nei lubrificanti e carburanti.
La parafenilendiammina è contenuta anche negli inchiostri per stampa e litografia, nei reagenti per analisi del sangue. Può essere responsabile di dermatite ai cosmetici di color scuro.

Diagnosi di allergia a parafenilendiammina :

La diagnosi , come per tutte le forme di dermatite allergica da contatto si effettua con il patch test . Può essere utile effettuare un test d’uso con le sostanze sospette , ovvero applicando la sostanza nella piega del gomito per 3 giorni consecutivi. In caso di risposta negativa vi sono forti probabilità che il prodotto sia tollerabile.

CONSIGLI: PAZIENTI CON DERMATITE ALLERGICA DA CONTATTO ALLA PARAFENILENDIAMMINA

Non usare tinture di capelli se non se ne conosca la composizione precisa
Valutare la composizione dei cosmetici che vengono a contatto della pelle.
Attenzione ad inchiostri da stampa, gomme di color scuro, coloranti per tessuti e pellicce a composizione non nota
Attenzione ad abiti di color scuro

REAZIONI CROCIATE IN SOGGETTI CON DERMATITE ALLERGICA DA CONTATTO ALLA PARAFENILENDIAMMINA

Attenzione alla possibilità di reazioni crociate tra PPD e le altre sostanze appartenenti al gruppo para: Benzocaina, Diaminodifenilmetano, Acido-Parabenzoico, Sulfamidici, Sultani, Urea, Paratoluendiamina, ecc.

Allergia crociata anche verso la p-toluendiamina, p-aminodifenilamina, il 2-4 diaminoanisolo e l’o-aminofenolo, presenti in tintura .